Skip to content

Eventi atmosferici: quale assicurazione?

3 febbraio 2012

I danni conseguenti ad eventi atmosferici gravi non sono una novità.
Tra alluvioni, nubifragi e terremoti che flagellano periodicamente il Paese non resta che augurarsi la fortuna di scamparla. Anche perché gli effetti sono devastanti, in termini di perdite patrimoniali e, purtroppo, di vite umane.
E’ inevitabile, in un contesto del genere, pensare all’assicurazione quale forma di tutela in caso di danni subiti da fabbricati, arredi e impianti. E le garanzie assicurative ci sono; ma non servono quasi a nulla!
Gia’ parecchi anni fa, la ripetitività degli eventi naturali sopra menzionati e la loro intensità avevano indotto gli assicuratori a ridurre sensibilmente il limite di indennizzo per ciascun rischio, che ora si attesta attorno al 40% del valore dei beni relativamente a inondazioni e alluvioni, e al 30/50% per il terremoto.
Ma, più recentemente, alcune compagnie hanno introdotto ulteriori vincoli. Infatti, subordinano l’efficacia delle coperture all’accertamento della non ripetitività degli eventi naturali garantiti, nell’area geografica in cui si trova il bene assicurato, nell’arco temporale di venti anni. In sostanza, se si verifica un allagamento (o un terremoto o un’alluvione, etc.) e si scopre che un evento analogo era gia’ capitato nella stessa zona meno di vent’anni prima, il sinistro non viene indennizzato, anche se in polizza e’ prevista una garanzia dedicata a quel rischio.
Quindi, tra massimali irrisori e vincoli temporali, e’ molto probabile che rimanga a carico dello sfortunato assicurato buona parte del danno economico provocato dal fenomeno atmosferico grave (oltre a quello conseguente al premio assicurativo pagato inutilmente magari per molti anni).
Ma gli assicuratori, non farebbero una migliore figura evitando di assicurare questi rischi, evidentemente poco graditi? O, almeno, non potrebbero evidenziare in polizza a caratteri cubitali questi limiti della copertura? Anche per evitare di creare aspettative che, non venendo quasi mai rispettate, generano automaticamente un contenzioso legale lungo e costoso.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: