Skip to content

Associazioni di risk e insurance manager

19 dicembre 2010

Le Associazioni di risk e insurance manager vengono costituite per offrire agli associati un’occasione di aggregazione. L’idea, sicuramente meritevole, è quella di offrire un valido supporto tecnico e istituzionale a chi si occupa in azienda di rischi e assicurazioni in qualità di assicurato. Naturalmente, il tutto deve essere svolto nell’interesse esclusivo degli associati che rappresentano una controparte rispetto al sistema assicurativo, comunque nell’ottica di una crescita professionale reciproca attraverso il dialogo e la discussione.

Insomma, queste Associazioni vengono costituite per tutelare gli interessi di chi “compra” le polizze e non di chi le vende (compagnie e intermediari). E lo dichiarano attraverso i rispettivi Statuti.

Poi si scopre che alcune tra queste Associazioni accolgono, menzionandoli apertamente anche nei loro siti web, sponsor assicurativi come Axa, Generali, HDI Gerling e Zurich, solo per fare un esempio. Ottime aziende, non c’è dubbio. Persino i frequenti convegni sono sponsorizzati da operatori del mercato assicurativo, citati mediante vistosi pannelli o più discrete brochure. In ogni caso, i soldi ce li mettono loro.

Ma non è una scelta un pò contraddittoria (e un pò ridicola)? E i numerosi associati, che cosa ne pensano?

Annunci

From → Uncategorized

2 commenti
  1. Anche a me sembra che quel tipo di “collaborazione” stia li a rappresentare ancora un esempio della perniciosa alternanza tra estetica e etica professionale cui qualche volta il Gestore del rischio e delle assicurazioni aziendali è portato a cedere e a cui non sembrano immune neppure le Associazioni che dovrebbero assisterlo e rappresentarlo.
    E’ certo che il Gestore del rischio e delle assicurazioni aziendali abbia bisogno della reciproca collaborazione di Tutti compresi Intermediari e loro Compagnie, ognuno però nel suo ben distinto ruolo e insieme con l’obiettivo di disegnare al meglio una corretta gestione del rischio aziendale a vantaggio del Consumatore.
    Sono convinto che il ruolo dei il Gestori del rischio e delle assicurazioni aziendali “indipendenti” e non sia ,oltre al naturale riequilibrio della asimmetria informativa spesso presente nel mercato assicurativo, quello di dover garantire per altro chiare e trasparenti regole etiche e procedurali nel proprio ambito operativo, lasciando che le Associazioni si assumano una altrettanto chiara e trasparente rappresentanza a qualsiasi livello istituzionale.

  2. Filippo Bonazzi permalink

    Torniamo sempre alla qualifica di “indipendente”. E’ l’indipendenza di giudizio vera, cioè di forma e di sostanza, che fa la differenza e produce i risultati migliori.
    Viceversa l’ipocrisia di chi predica bene ma razzola male provoca danni al sistema (non solo assicurativo) in continuazione.
    Bisognerebbe iniziare ad emarginare qualche “ladro di galline”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: